[Home][Mito][Poesia][Narrativa][Critica][Eventi]
Il ritorno di Agamennone vincitore é intriso di tragedia. Clitennestra non gli ha mai perdonato l'uccisione della figlia e si lascia sedurre da Egisto. Insieme tramano il massacro del re. Nell'Odissea l'ombra di Agamennone é obnubilata dal rancore verso la sposa infedele che neppure gli ha chiuso gli occhi dopo la morte. Questa ispirazione sincera dell'autore per l'orribile ha la sua giustificazione e radice nella convinzione che il potere sia una sorta di dannazione, che spoglia di ogni umanità. Questa concezione ricorda curiosamente il mito personale di Vittorio Alfieri del "tiranno", che trova i suoi complici nella classe guerriera e in quella sacerdotale.

Prefazione di Enzo Mandruzzato a Clitennestra

Editoria Universitaria, Venezia, 2006
Prezzo: 10 €